Gerarchi. Serpenti sulla testa del Duce.pdf

Gerarchi. Serpenti sulla testa del Duce

Enzo Antonio Cicchino,Matteo Martone

«Limmagine di un Mussolini padre, figlio e spirito del fascismo è solo una comoda finzione storica. Senza collaboratori energici, attivi e creativi, qualsiasi totalitarismo è destinato a fallire.» Non si può considerare Benito Mussolini unico artefice e dominatore assoluto di quelle controverse pagine di storia italiana passate sotto il nome di fascismo. Balbo, Farinacci, Grandi sono tra i gerarchi che hanno dato più filo da torcere al Duce, continuamente impegnato a farsi interprete, garante, moderatore e censore degli interessi dei suoi gerarchi. Uno dei grandi talenti di Mussolini è stato quello di saper leggere nelle loro menti, assecondandoli od opponendovisi come fa lequilibrista sul filo. Li ha accontentati talvolta malvolentieri, molto più spesso volgendo a suo favore la realizzazione dei loro interessi, quando dettati da lucide intelligenze. Ma quasi sempre li ha saputi rendere vivi e felici e, con questo, ha reso vivi e felici sé stesso e la sua dittatura. Di fatto, costoro, a vario titolo hanno consegnato, protetto, consentito a Lui il successo. Non è un caso, poi, che siano stati proprio loro, nel celebre ultimo Gran Consiglio del 1943, a privarlo del potere.

Gerarchi. Serpenti sulla testa del Duce. Enzo Antonio Cicchino, Matteo Martone. Ugo Mursia Editore 2019. Libri; Società, politica e comunicazione. Formato ...

7.17 MB Dimensione del file
9788842559542 ISBN
Gerarchi. Serpenti sulla testa del Duce.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.zool.st o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Achille Starace (Sannicola, 18 agosto 1889 – Milano, 29 aprile 1945) è stato un generale, politico e dirigente sportivo italiano. È stato per otto anni (dal 1931 al 1939) segretario del Partito Nazionale Fascista, presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, commissario straordinario della Lega navale italiana, luogotenente generale della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale.

avatar
Mattio Mazio

10 set 2016 ... colpo di stato monarchico, l'arresto del Duce e poi la sua liberazione, ... “Dopo un 'attesa nel gelo, che ci sembrò lunghissima, la testa della colonna iniziò la ... serpenti, cibi e bevande in quantità e le più ra... esplicativo del duce al suo subordinato: «Maresciallo Graziani, come già vi ho detto in occasione ... gerarca Farinacci e il suo giornale. In tre giorni ... Il 5 febbraio, nel pomeriggio, la testa della colonna è bloccata dai carri armati...

avatar
Noels Schulzzi

Il 29 aprile del 1945 i corpi di Benito Mussolini, Claretta Petacci e altri gerarchi fascisti di Salò giacciono in Piazzale Loreto. Sono stati scaricati a terra e lasciati alla mercé del mattino, lo stesso mattino che osserva i carri armati della 1ª divisione corazzata americana entrare nella città di Milano.

avatar
Jason Statham

gerarchi e Vittorio Emanuele III e la fine del fascismo, l'arte italiana visse un ... diffondersi della notizia della deposizione del Duce la resistenza partigiana avviò  ... Gerarchi. Serpenti sulla testa del Duce è un libro di Enzo Antonio Cicchino , Matteo Martone pubblicato da Ugo Mursia Editore nella collana Testimonianze fra cronaca e storia: acquista su IBS a 17.10€!

avatar
Jessica Kolhmann

Gerarchi. Serpenti sulla testa del Duce. Donne fuori posto. Lemigrazione femminile rurale delllia postunria. Salernna 19:19. dalla D alla B alzando le coppe. Guide turistiche e … Serpenti sulla testa del Duce. Di solito si parla di fascismo come di un’invenzione esclusiva di Mussolini, come se i gerarchi che lo hanno circondato fossero stati null’altro che pedine o birilli da lui giocati o rigirati come banderuole.