Il filosofo della domenica. La vita e il pensiero di Alexandre Kojève.pdf

Il filosofo della domenica. La vita e il pensiero di Alexandre Kojève

Marco Filoni

Alexandre Kojève (1902-1968), aristocratico russo rifugiatosi in Francia, entrò nellamministrazione francese subito dopo la fine della guerra. Da quel momento dirà di aver tempo per la filosofia soltanto la domenica. E infatti il filosofo della domenica era il nome con il quale lo scrittore Raymond Queneau era solito chiamarlo, a partire dagli anni Cinquanta. Kojève passò felicemente gli ultimi ventanni della sua vita fra lelite della diplomazia mondiale e dellalta finanza. Così la sua fu unattività filosofica semiclandestina/

Filosofia e politica, Università degli Studi di Urbino, 2000. Le erme nei trivi, Quodlibet, 2006. Il filosofo della domenica. La vita e l'opera di Alexandre Kojève, Bollati Boringhieri, 2008. Le philosophe du dimanche, Gallimard, 2010. Kojève mon ami, Aragno, 2013. Lo spazio inquieto.

8.38 MB Dimensione del file
9788833918563 ISBN
Gratis PREZZO
Il filosofo della domenica. La vita e il pensiero di Alexandre Kojève.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.zool.st o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

E infatti “il filosofo della domenica” era il nome con il quale lo scrittore Raymond Queneau era solito chiamarlo, a partire dagli anni Cinquanta. Kojève passò felicemente gli ultimi vent’anni della sua vita fra l’elite della diplomazia mondiale e dell’alta finanza. Così la sua fu un’attività filosofica 01/05/2008

avatar
Mattio Mazio

Alexandre Kojève ( / k oʊ ʒ ɛ v /; francese: [alɛksɑdʁ koʒɛv]; 28 Aprile 1902 - 4 Giugno 1968) è stato un francese di origine russa filosofo e statista la cui seminari filosofica avuto un'influenza enorme sulla filosofia francese del 20 ° secolo, in particolare attraverso la sua integrazione di hegeliana concetti in ventesimo secolo la filosofia continentale. Sull’esperienza filosofica e sull’articolata vita di Kojève il riferimento è naturalmente Marco Filoni, Il filosofo della domenica. La vita e il pensiero di Alexandre Kojève, Bollati Boringhieri, Torino 2008. 5 Ivi, p. 17. 6 Ibidem. 7 FdS, p. 169.

avatar
Noels Schulzzi

Questa impalcatura è stata rivista e ristrutturata dalla lettura di Alexandre Kojève, il quale la attualizza, ma, al tempo stesso, ne conserva e ne riafferma la caratteristica di fondo: l’assoluta auto-referenzialità, la granitica certezza di aver detto una definitiva parola di verità. Kojeve sostiene che la concezione della storia di Da quel momento dirà di aver tempo per la filosofia soltanto la domenica. E infatti "il filosofo della domenica" era il nome con il quale lo scrittore Raymond Queneau era solito chiamarlo, a partire dagli anni Cinquanta. Kojève passò felicemente gli ultimi vent'anni della sua vita fra l'elite della diplomazia mondiale e dell'alta finanza.

avatar
Jason Statham

Alexandre Kojève, in russo Александр Владимирович Кожевников, Aleksandr Vladimirovič Koževnikov (Mosca, 28 aprile 1902 – Bruxelles, 4 giugno 1968), è stato un filosofo francese di origini russe, considerato, soprattutto in Francia, uno dei maggiori interpreti della lezione hegeliana.

avatar
Jessica Kolhmann

Diritto, politica e storia nel pensiero di Alexandre Kojève, Napoli: Liguori, 2003. Marco Filoni Il filosofo della domenica. La vita e il pensiero di Alexandre Kojève, Torino: Bollati Boringhieri, 2008. Marco Filoni Kojève mon ami, Torino: Aragno 2013. Giampiero Chivilò. "Antropogenesi e temporalità nella filosofia di Kojève". In ognuno dei presupposti del pensiero di Kojève, la cui importanza consiste forse proprio nell’averli posti, nell’aver assicurato una posizione filosofica alla soggettività post-storica, al ritorno dell’animale, all’arte e al gioco, è il riflusso abissale della fenomenologia a fare il vuoto, a promuovere la negazione, a generare la