Quaderni giovanili 1915-1920.pdf

Quaderni giovanili 1915-1920

Giuseppe Bottai

Dalla Prefazione di Stefano Mecatti Perché “Quaderni” e non “Diario” La “grande guerra” è stata una fucina di scrittura. Come non fissare il ricordo di un evento così eccezionale? Non registrarne i momenti più significativi nell’atto stesso del loro accadere? Non costruire un colloquio almeno con se stessi, intervenendo a caldo con note giudizi riflessioni? Fu l’eccezionalità di quell’esperienza, ma anche la costrizione al silenzio a spingere i soldati a scrivere. Il 1° settembre 1915 Giuseppe Bottai appena ventenne, giunto da poco volontario al fronte, comincia a stendere quaderni che dedica alla sua giovane fidanzata Nelia Ciocca e, sia pure con interruzioni e lacune, continua a scriverli fino al 1920, coprendo l’intero arco del primo conflitto mondiale. Cosa rappresentano per lui, giovane sottotenente che dal Colle di Lana inizia il suo viaggio attraverso la guerra? Lo dice a chiare lettere sin dal frontespizio del primo quaderno: queste pagine saranno “strappi di serenità e di dolce pensiero”. Pagine, dunque, sottratte alla guerra. Ma la sua crudezza contraddice subito le sue buone intenzioni e lo scaraventa nel vivo di una sequenza bellica, ripresa quasi cinematograficamente: “Ed ecco la guerra. Rombi nell’alto, spaventosi, atroci, strazianti, voci, lunghe, strascicate, terribili, che dilaniano l’aria” (Q. 1° settembre 1915). In quel “trambusto febbrile”, in quel paesaggio di morte, l’unico esempio da seguire per contrastare l’impeto e la tensione della guerra è quello delle vette “lontane, misteriose”, che con la loro serenità “sembrano sorgere da un abisso di pace”. Solo la natura, nella sua distanza e imperturbabilità, può insegnare a resistere. L’apprendistato è difficile, anche perché la guerra, pensata come guerra di movimento, si trasforma subito in guerra di posizione e viene combattuta nelle trincee, in cui del mondo naturale non resta che la nostalgia. Non c’è scampo: la sua presenza occupa tutto il campo visivo. Si può cancellare solo con uno sforzo d’astrazione, concentrandosi mentalmente sulla natura e sull’amore. Ma a cosa danno vita questi quaderni fino ad oggi rimasti sepolti ? Compongono un giornale, un taccuino di guerra, un diario intimo e privato? I quaderni redatti dal giovane Bottai sono disomogenei. Soltanto nel ’15 e dal settembre alla fine del ’16, allorché vengono scritti al fronte, portano i segni inequivocabili di un discorso in atto, che si fa giorno dopo giorno. Paradossalmente, solo quando il fulcro del discorso è la guerra essi, seguendone il ritmo tra fatti di trincea e azioni sulla linea del fuoco, istantanee di villaggi distrutti e aneddoti eroici o banali, assumono un andamento narrativo. Dal 21 settembre 1915, quando viene ricoverato all’ospedale di Agordo, la guerra comincia a sentirsi solo direttamente negli strappi di nostalgia per i soldati o nel desiderio di tornare a combattere “lassù, tra i monti”

Quaderno N.8// Giovani ai tempi del coronavirus. Come hanno vissuto ventenni e trentenni il lockdown e quali prospettive intravedono? L’Osservatorio Giovani ha svolto la prima indagine internazionale su condizioni e aspettative delle nuove generazioni all’apice del lockdown, condotta tra fine marzo e inizio aprile 2020, su un campione di 2000 persone, rappresentativo dei residenti in ...

1.87 MB Dimensione del file
9788885938090 ISBN
Quaderni giovanili 1915-1920.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.zool.st o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

I giovani imprenditori mantovani e la successione di impresa 3 Indice Presentazione 7 Premessa 9 Introduzione 11 Parte I L'indagine Capitolo 1 Il punto di partenza 17 1.1 I primordi della ricerca 17 1.2 Il passaggio generazionale 20 1.3 Azienda ed Impresa 26 1.4 Il Giovane Imprenditore 28 1.5 L'imprenditore tra Azienda e Famiglia 31 1.6 I dubbi di Cesare 35 Quaderno N.8// Giovani ai tempi del coronavirus. Come hanno vissuto ventenni e trentenni il lockdown e quali prospettive intravedono? L'Osservatorio Giovani ha svolto la prima indagine internazionale su condizioni e aspettative delle nuove generazioni all'apice del lockdown, condotta tra fine marzo e inizio aprile 2020, su un campione di 2000 persone, rappresentativo dei residenti in ...

avatar
Mattio Mazio

Consistenza,evoluzione,politiche IGIOVANI AGRICOLTORI ITALIANI OGGI AcuradiDomenicoCersosimo Quaderni GRUPPO 2013 Contributidi: DomenicoCersosimo,GabrieleCanali, AntonellaRitaFerrara,AngeloFrascarelli L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono. Contattaci. Ultimi Articoli Pubblicati. Parashat Vaerà e gli ottant’anni di Mosè: l’età della forza e del coraggio.

avatar
Noels Schulzzi

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono. Contattaci. Ultimi Articoli Pubblicati. Parashat Vaerà e gli ottant’anni di Mosè: l’età della forza e del coraggio.

avatar
Jason Statham

Quaderni giovanili: 1915–1920 (Atti testimonianze convegni) (1996). Sources[ edit]. Incontro con Bottai by Mario Carli and Bruno D'Agostini (1938) ... ... (1989); La politica delle arti: Scritti, 1918—1943 (1992, edited by Alessandro Masi). Quaderni giovanili: 1915—1920 (Atti testimonianze convegni) (1996).

avatar
Jessica Kolhmann

portamento giovanile. Il primo passo è stato quello di costituire un gruppo di la-voro europeo formato da istituzioni che da tempo lavorano in questo settore. I risultati sono stati oggetto di uno dei Quaderni dell’Osservatorio (Quaderno n. 13, Monitoring Risk in Young People – I giovani … La vita La Giovane Bosnia e gli scritti giovanili. Il padre, prof. Jefto Dedijer, era un amico del colonnello Dragutin Dimitrijević-Apis, il capo della società segreta serba Ujedinjenje ili Smrt (“Unificazione o la morte”). Uno zio, Konstantin Babić, era un Giovane bosniaco e fu ucciso all'età di diciannove anni. Vladimir Dedijer quindi crebbe in un ambiente legato alla Giovane Bosnia ...